Tu sei qui

Previdenza &Welfare

Rapporto Adepp: Calano i giovani e aumentano gli anziani. Aumentano le donne e le differenze di reddito

E’ un rapporto caratterizzato dal segno + quello che è stato presentato questa mattina a Roma. Aumentano, infatti, gli iscritti e aumentano anche i pensionati attivi, aumentano i redditi e le donne, aumentano le azioni di welfare sia assistenziale sia strategico e aumenta il patrimonio che supera gli 87miliardi di euro.

Che il Sistema fosse in buona salute è cosa nota, il trend dello stesso patrimonio negli ultimi 10 anni lo ha più volte “certificato”, ma a ribadirlo sono ad esempio alcuni dati contenuti nello studio arrivato alla nona edizione.

Dal 2005 al 2018, ad esempio, gli iscritti alle Casse sono aumentati del 26% arrivando a 1milione e 650mila unità. Ogni 1.000 abitanti, 27 sono iscritti alle casse di previdenza private. 

Ma chi sono gli iscritti? 

La maggior parte rientra nella fascia d’età tra i 40 e i 60 anni (circa il 53%). 

I nuovi iscritti sono al 51% donne e sempre le donne rappresentano il 40% del totale.

Le donne tra gli “under 40” sono circa il 53%.

Gli “over 60” sono passati dal 10% al 19%. Iscritti attivi aumentati del 23%. 

I Pensionati attivi aumentati di più del 100%. 

E’ chiaro quindi che è in atto la “femminilizzazione” delle professioni così come è evidente che le donne entrano prima degli uomini nel mercato del lavoro. Si laureano prima e si iscrivono prima alla propria Cassa di previdenza.

Purtroppo, anche se i redditi aumentano (+2,3%), le donne continuano a subire il pay gap. Le libere professioniste dichiarano in media il 45% in meno dei loro colleghi uomini.  La media dei redditi tra le donne è di circa 24 mila euro mentre quella tra gli uomini di 43 mila euro.

E’ anche vero che I liberi professionisti uomini “under 40” guadagnano 1/3 dei loro colleghi over 50 così come permane il gap territoriale: i redditi più alti vengono dichiarati dai professionisti in Trentino Alto Adige (circa 54mila euro annui), quelli più bassi in Calabria dove un professionista dichiara poco meno di 20mila euro

Tra gli iscritti alle Casse di Previdenza Privata vi sono anche professionisti dipendenti (ENPAM, INPGI, ENPAIA).  Negli ultimi 14 anni, a differenza dei loro colleghi indipendenti, il loro reddito è cresciuto, in termini reali dell’11%.

Gli altri dati

Le entrate contributive sono aumentate dell’91% in 14 anni.

Il numero di prestazioni è aumentato del 45%, gli importi erogati del 84%.

Nel 2018, la spesa complessiva per welfare ammonta a 509 milioni di euro. Nell’ultimo anno si può notare una forte crescita delle prestazioni a sostegno degli iscritti ed una diminuzione delle indennità di maternità e delle polizze sanitarie. 

 

 

 

I nostri partner