Tu sei qui

Un taglio (sotto forma di mancati aumenti) che andrà da meno 5 euro mensili per pensioni di 2.300 euro lordi a 16 euro per quelle da 3.500 mila euro e via a salire, fino a raggiungere anche i 45 euro per importi elevati. Per un totale di circa 2,2 miliardi di euro di risparmi per le casse pubbliche nel triennio. E' la stretta che scaterà dal primo aprile  per 5,6 milioni di persone e colpirà la rivalutazione delle pensioni superiori a 1.521 euro lordi mensili come prevista dalla legge di Bilancio.  «Ma chi ha avuto di più in questi primi tre mesi di mancata applicazione della sforbiciata dovrà restituire (magari da giugno, a elezioni europee avvenute, come sospettano in tanti) le somme percepite in più: e, in questo caso, si andrà da meno di un euro a 27 euro, per un totale di circa 100 milioni». Leggiamo Claudia Marin su Quotidiano.net

vai all'articolo

I nostri partner