Tu sei qui

di Giuliano Cazzola 

Ci risiamo. Intervistato, domenica scorsa, da Lucia Annunziata a ‘’In mezz’ora’’ il presidente dell’Inps, Tito Boeri, indossando la maschera del riformatore,  ha tracciato le linee generali di una controriforma del sistema pensionistico. La reiterata condotta di Boeri pone diversi problemi di metodo e di merito.

Cominciamo dal metodo. Chi autorizza l’Istituto di via Ciro il Grande – la cui presidenza è un istituto monocratico che assume in sé anche quelli che un tempo furono i poteri del consiglio di amministrazione,  a sottoporre nuovamente al Governo (e all’opinione pubblica) quelle proposte sulle politiche di welfare che Boeri ha annunciato fin dallo scorso mese di giugno e che non hanno trovato – se vogliamo dirci la verità – accoglienza e sostegno nel disegno di legge di stabilità?

Con questa domanda non ci limitiamo ad avanzare rilievi di carattere formale, ma intendiamo sollevare questioni sostanziali. Infatti, non è la prima volta che l’Inps si impegna nel portare avanti delle modifiche dell’ordinamento previdenziale. Ricordiamo, in particolare, che, ai tempi della gloriosa Prima Repubblica, quando l’Istituto era amministrato dalle parte sociali, fu condotta,  in particolare sotto la presidenza di Giacinto Militello, una vera e propria ‘’campagna’’ per la separazione tra il settore della previdenza e quello dell’assistenza che trovò la sua traduzione legislativa nella legge n.88 del 1989, i cui principi sono ancora alla base delle regole per la formazione del bilancio dell’Inps. Poi  il presidente dell’Inps, allora, era un’espressione di quelle forze sociali che sono i principali ‘’finanziatori’’ del sistema pensionistico. 

Si trattò pur sempre, inoltre, di un intervento a sostegno di una questione di diretto interesse dell’Ente – che aveva un preciso significato anche nell’indirizzo delle politiche e nella valutazione delle performance economiche e finanziarie – ma  che non pretendeva di ‘’dare la linea’’. In seguito, l’Inps è sempre stato di supporto, insieme al Tesoro, prima e all’Economia, poi, degli esecutivi che si cimentavano con le riforme del sistema previdenziale; ma le indicazioni generali venivano dal Governo e dal Parlamento.

Fino a pochi anni or sono, poi, l’Istituto esprimeva una governance, modulata, nel sistema duale, su più organismi, nominati dal Governo e in rappresentanza delle parti sociali. Oggi, ad essere franchi, il profilo istituzionale è quello di ‘’un uomo solo al comando’’, visti i poteri che si concentrano nelle mani di un  presidente, il quale, nella persona di Tito Boeri, è un prestigioso intellettuale, evidentemente tentato di far passare le proprie idee avvalendosi della ‘’gioiosa macchina da guerra’’ dell’Ente previdenziale più importante d’Europa.

Ecco, allora, che Boeri svolge il suo ruolo quando dichiara di voler cambiare le modalità di erogazione delle pensioni, sia per rendere più snello il procedimento amministrativo, sia per venire incontro alle esigenze degli utenti;  o quando vuole che l’Istituto finalmente sia in grado di comunicare agli iscritti la possibile evoluzione della loro posizione assicurativa e di unificare in un’unica erogazione spezzoni di trattamento ereditati da ordinamenti anch’essi frantumati. E’ altresì importante l’azione di trasparenza che porta a denunciare talune incongruenze del sistema (sono stati fino ad ora evidenziati, tra gli altri,  i casi dei piloti, dei dirigenti industriali e dei ferrovieri), sempreché si eviti la tentazione di criminalizzare intere categorie, i cui trattamenti hanno avuto pur sempre un riferimento in particolari norme di legge. Quanto al merito, chi autorizza l’Inps (forse il ministro Poletti?) a mettere apertamente in discussione le legge Fornero che ha assicurato stabilità di lungo periodo al sistema? Dove sta scritto che è necessario un modello di flessibilità (che nella legge vigente è già previsto fino ai 70 anni) impostato su di un abbassamento dell’età pensionabile, sia pure disincentivato, a fronte degli scenari demografici che ci attendono?

A tali domande si risponde che chi andrà in pensione prima riceverà un assegno più modesto; che si spenderà di più oggi, grazie ad un maggior numero di trattamenti, ma meno domani in conseguenza di un importo più basso (tanto per tranquillizzare la Ue). Eppure, tutta la letteratura in materia (che Boeri conosce benissimo)  assume il prolungamento della vita attiva come condizione primaria non solo della sostenibilità, ma anche dell’adeguatezza delle prestazioni. Non ha un senso compiuto consentire a persone non ancora o appena sessantenni, in grado di lavorare, di andare in quiescenza con una pensione ridotta, per doverli assistere quando avranno 80 anni e il loro assegno risulterà inadeguato rispetto ai loro bisogni. Nell’intervista, infine, il presidente Boeri  fa notevoli concessioni al populismo dilagante, proponendo vistosi tagli alle pensioni più elevate, sottoponendole al ‘’giudizio di Dio’’del calcolo contributivo.

Troveremmo piuttosto singolare - e non giustificato da ragionamenti di equità  - applicare retroattivamente un diverso sistema di calcolo su  trattamenti a suo tempo liquidati in modo conforme alle leggi vigenti. Tanto più che un’operazione siffatta, oltre ad essere incostituzionale, sarebbe macchinosa ed impraticabile (per la mancanza di dati) nel comparto delle amministrazioni statali, oltreché inutile essendo operante per un triennio un contributo di solidarietà molto elevato e modulato per le fasce di pensione superiori a novanta mila euro.  Poi, dove sta scritto che gli eventuali risparmi  dovrebbero confluire nel finanziamento di un reddito minimo a favore delle coorti comprese tra 55 e 65 anni che si trovino in condizione di difficoltà, quando è già prevista dal jobs act  una prestazione assistenziale definita Asdi ? I beneficiari della proposta  di Boeri sarebbero i  c.d. esodati? 

Ma non è ora di finirla con questa telenovela? Per loro sono state previste ben 6 sanatorie coperte da risorse stanziate più volte e risultate superiori al fabbisogno, perché, di sicuro, si è esagerato nei numeri dei soggetti da tutelare. E se ne sta varando una settima nella legge di stabilità.  Quando Boeri  afferma che ce ne vorrà un’ottava, in pratica, si iscrive al partito ancien règime di coloro che non si limitano a considerare ‘’ esodati’’ soltanto quelli che, entro la fine del 2011, rimasero intrappolati nei nuovi requisiti introdotti dalla riforma, ma tutti coloro che, a pochi anni dalla pensione perderanno il posto di lavoro, senza riuscire a coprire il periodo di carenza (gli anni che li separano dal varcare l’agognata soglia) con il sostegno degli ammortizzatori sociali o con altre forme di tutela (visto che un lavoro non lo cercheranno neppure o non lo troveranno di loro gradimento).

Ciò, alla faccia del ‘’contratto di ricollocazione’’. E della nuova stagione delle politiche attive che è nei progetti del Governo. E’ ora di finirla con l’idea di un  sistema pensionistico incaricato di arrivare come un ‘’vendicatore mascherato’’ a riparare ai torti, veri o presunti, subìti durante la vita attiva.

I nostri partner