Tu sei qui

Mercoledì prossimo il Presidente dell'Inps Tito Boeri scoprirà finalmente le carte delle sue proposte per rimettere mano alla riforma Fornero. L'appuntamento è per l'otto luglio mattina, alla Camera dei Deputati, nella Sala della Regina, davanti al capo dello Stato. L'occasione è la presentazione del Rapporto annuale dell'Inps. 

Non è da escludere che il professore bocconiano, che ha ampiamente contribuito a sostenere e divulgare, a suon di dossier sulle diverse categorie, il verbo del contributivo, rilanci la sua proposta orginaria, di un ricalcolo obbligatorio per tutte le pensioni sopra i 2-3 mila euro lordi mensili. Ma non è detto. Gli incontri delle ultime settimane con Matteo Renzi e i ministri Padoan e Poletti dovrebbero averlo convinto a non gettare altra benzina sul fuoco. E, dunque, è più verosimile che Boeri punti decisamente a sostenere l'estensione di fatto anche agli uomini della cosiddetta opzione-donna: la possibilità di andare in pensione prima dell'età pensionabile, ma con il calcolo interamente contributivo della prestazione. Sempre ricalcolo è, ma su base volontaria. E' questa la via alla flessibilità in uscita al momento più gettonata. 

Leggi anche sul tema l'articolo di Davide Colombo sul Sole 24 Ore. 

 

I nostri partner