Tu sei qui

Previdenza

Pensione integrativa: notifica contributi per la deduzione

di Noemi Ricci - PMI

In scadenza il 31 dicembre l’obbligo per i lavoratori che aderiscono a forme di previdenza complementare o a piani individuali pensionistici di tipo assicurativo, di comunicare al fondo di appartenenza i contributi 2016 non dedotti nel 2017 con la dichiarazione dei redditi di quest’anno, ossia con 730 o Modello Redditi (ex UNICO). In questo modo nella fase di erogazione della prestazione finale, tale importo non sarà assoggettato a ritenuta.

Si tratta di un’agevolazione fiscale che incentiva le diverse formule di pensione integrativa: consiste in una deduzione dei contributi fino ad un massimo di 5164.57 euro, tenendo conto di tutti i versamenti che affluiscono alle forme pensionistiche, collettive e individuali. La parte dei contributi versati al fondo di previdenza complementare per i quali non si è potuto fruire della deduzione non sono tassati al momento della liquidazione della prestazione.  Dunque, entro il 31 dicembre 2017 lavoratori che aderiscono a forme di previdenza complementare dovranno comunicare al proprio fondo pensione la quota di contributi versati e deducibili nel 2016, ma non dedotti nel corso del 2017.

I contributi versati a forme di previdenza complementare sono dunque deducibili dal reddito fino alla soglia annua stabilita per legge, nella quale rientrano sia i contributi personali sia quelli a carico del datore di lavoro. La deduzione è applicabile anche agli oneri sostenuto per familiari a carico.

I nostri partner