Tu sei qui

Welfare

Istat, 18 milioni di italiani a rischio povertà

Fonte: Corriere della Sera

I redditi salgono. Un po’ (+1,7% rispetto al 2014). Ma aumentano anche le persone a rischio povertà: nel 2016 sono 18 milioni, il 30% degli italiani (erano il 28,7 l’anno prima). E cresce la disparità tra i più ricchi (il 2,8% ha redditi sopra i 70 mila euro) e i più poveri (il 24, 4% è sotto i 10 mila euro). Lo certifica l’Istat nel rapporto «Reddito e condizioni di vita» che analizza reddito e potere d’acquisto delle famiglie nel 2015. Per la prima volta dal 2009, c’è il segno più sul reddito medio annuo per famiglia (+1,7% in termini di potere d’acquisto) che, secondo l’Istat, è pari a 29.988 euro, circa 2.500 euro al mese. Ma la crescita è maggiore per il quinto più ricco della popolazione, portando il rapporto tra il reddito equivalente totale del 20% più ricco e quello del 20% più povero da 5,8 a 6,3%. Al Sud il reddito medio è cresciuto quasi il doppio (+2,8%) ma resta più basso: 20.557 euro, circa 1.713 mensili. Le famiglie con 5 o più componenti sono le più esposte al rischio di povertà (43,7%). Ma il rischio sale ancora di più per quelle con uno o due componenti: per le prime sale al 34,9% dal 31,6%, per le seconde al 25,2% dal 22,4%.

I nostri partner