Le tue cure, come e quando

 { titolo }  { titolo }

Tu sei qui

Il sistema sanitario italiano

Il sistema sanitario italiano è fondato sul Servizio sanitario nazionale (Ssn) ed è composto da un complesso articolato di strutture e servizi che hanno lo scopo di assicurare universamente e, dunque, a tutte le persone residenti e presenti in Italia (cittadini e no) le prestazioni sanitarie delle quali hanno bisogno.

E’ questo il primo pilastro, quello di base, sul quale è costruita la tutela della salute nel nostro Paese. Ad esso si aggiungono o si possono aggiungere il secondo e il terzo pilastro, quelli della tutela sanitaria integrativa, su base collettiva o individuale, assicurata o da fondi sanitari di categoria o da fondi sanitari aperti o, ancora, da polizze assicurative, individuali e familiari, offerte e gestite da compagnie di assicurazione.

Il Servizio sanitario nazionale - La sanità di base 

La tutela di base della salute è garantita dal Servizio sanitario nazionale che, attraverso un complesso articolato di strutture e servizi, ha la missione di garantire a tutti i cittadini, in condizioni di uguaglianza, l’accesso universale all’erogazione equa delle prestazioni sanitarie, in attuazione dell’articolo 32 della Costituzione: «La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana».

Per comprendere più a fondo il sistema sanitario nazionale di base puoi leggere le seguenti schede di approfondimento.

I principi del Ssn

Il finanziamento del Ssn

L’iscrizione al Ssn e l’accesso alle prestazioni

I Lea: che cosa sono

I Lea: le prestazioni incluse e escluse

Lea e liste di attesa

Il controllo sui Lea

Ticket e esenzioni

La tessera sanitaria

Carta nazionale dei servizi

Il servizio sanitario e la sanità privata

 

La sanità integrativa su base collettiva

Il secondo pilastro della tutela della salute – finalizzato a offrire o a dare copertura finanziaria a prestazioni aggiuntive rispetto a quelle assicurate  dalla sanità di base - è rappresentato dalla sanità integrativa, garantita dai fondi sanitari di categoria o aziendali, di derivazione contrattuale o comunque associativo-professionale, e da quelli aperti, che sono o possono essere costituiti anche al di fuori da contesti e ambiti professionali-lavoristici.

Ai fondi sanitari integrativi di categoria o aziendali possono aderire (o, in taluni casi, sono contrattualmente iscritti in via automatica) i lavoratori appartenenti alle categorie per le quali sono stati costituiti: metalmeccanici, tessili, chimici, alimentaristi, artigiani, ingegneri e così via. A quelli aperti, in linea di massima, possono aderire tutti i lavoratori, a prescindere dalla categoria di appartenenza. Ma può aderire anche chi non ha un’occupazione o non svolge un’attività o chi è fiscalmente a carico di altri soggetti. 

Nel secondo caso l’adesione è volontaria e può essere sia su base collettiva sia su base individuale. L’adesione, invece, può essere volontaria ma anche automatica nel caso dei fondi di derivazione contrattuale o associativo-professionale ovvero costituiti sulla base di contratti o accordi collettivi, di categoria, di azienda, di territorio o sulla scorta di regolamenti aziendali.

Per comprendere più a fondo il sistema di sanità integrativa puoi leggere le seguenti schede di approfondimento.

Che cosa è e come funziona la sanità integrativa

Le possibili forme sanitarie integrative: i fondi sanitari negoziali, i fondi aperti, gli enti e le casse di assistenza

Chi e come può aderire

La scelta della forma sanitaria integrativa

Che cosa sapere prima di aderire: i documenti da verificare

I contributi: chi versa e quanto

Quali prestazioni si possono ottenere

I vantaggi fiscali dell’adesione

La vigilanza sulla sanità integrativa: l’Anagrafe dei fondi sanitari

Tutti i fondi sanitari negoziali e i fondi aperti per tipo di lavoro svolto

Per verificare, in base al lavoro che svolgi, a quale fondo sanitario negoziale o aperto puoi aderire, a quali condizioni e con quali prestazioni ottenibili, ti basta semplicemente compilare il format «Personalizza il tuo profilo», indicando solo la tua condizione lavorativa o professionale: potrai ottenere la «tua scheda» di welfare, con la «tua» sanità integrativa, ovvero aprire il tuo cassetto-cruscotto in Miowelfare.

 

La sanità integrativa su base individuale

Il terzo pilastro della tutela sanitaria integrativa è costituito dalle polizze sanitarie integrative, istituite e gestite da compagnie di assicurazione. Le polizze assicurano una copertura sanitaria integrativa che si aggiunge a quella offerta dalla sanità di base ma che può anche sommarsi alle prestazioni aggiuntive dei fondi sanitari integrativi negoziali o aperti.

Alle polizze possono aderire tutti i cittadini, a prescindere dalla condizione professionale.

L’adesione è sempre volontaria, su base individuale o familiare.  

Per comprendere più a fondo il sistema di sanità integrativa puoi leggere le schede di approfondimento indicate nella sezione precedente.

 

I nostri partner